Chi sono i nostri soci?

L’Associazione alla data del 31 dicembre 2016 contava 267 soci, di cui
•92% sono amministratori di sostegno e tutori, familiari e terzi
•5% sono sostenitori che condividono le finalità dell’Associazione
•3% sono persone beneficiarie della misura dell’amministrazione di sostegno

img_1188

eta-soci

Rispetto al genere, i soci sono composti per il 53% da donne e 47% da uomini.
La composizione muta se l’AdS è parente o persona terza alla persona beneficiaria.
Nel caso del familiare che assume l’incarico per un proprio caro, si evince una maggiore propensione delle donne a diventare AdS (59%).
Nel caso in cui l’AdS sia una persona terza, le persone che si rendono disponibili sono nel 69% dei casi uomini. Le tendenze di tali dati rimangono sostanzialmente immutati anche se si tengono conto di tutti coloro che si sono iscritti all’associazione in questi anni.
L’età media, sia rispetto ai soci effettivi, sia ai soci iscritti dal 2011 e sia rispetto al ruolo (familiare e terzo) si attesta a 57-58 anni.

Considerando il rapporto che lega l’amministratore di sostegno e la persona beneficiaria si evince che nella maggioranza dei procedimenti il giudice tutelare nomina un familiare. In particolare nel 28-29% dei casi tale ruolo viene svolto da un/a figlio/a, a seguire da una sorella o fratello (15-18%) e da un genitore (15-13%). Nel primo caso si tratta di figli che diventano AdS per un genitore affetto da demenza senile, Alzheimer (52%). I fratelli vengono nominati nei casi in cui la persona beneficiaria sia affetta da altre fragilità quali malattia degenerativa, handicap fisico, coma, corrispondente al 27% dei casi, malattia psichica e disabilità cognitiva nel 26%. I beneficiari affetti da disabilità di tipo cognitivo vengono assistiti nel 56% da uno dei genitori.
L’AdS che assume l’ufficio per una persona terza alla famiglia spesso assiste persone affette da una patologia di natura psichica (37%). Sia rispetto ai soci effettivi a fine anno che alle persone che si sono iscritte in questi anni l’Associazione attesta un leggero calo della presenza degli AdS terzi rispetto al totale degli associati (negli ultimi anni rappresentavano circa il 27-28%, secondo i dati aggiornati tra il 20-25%). Ciò non significa che non ve ne sia più bisogno, anzi la domanda diventa sempre più crescente rispetto alla disponibilità di cittadini disponibili a diventare AdS.

Rapporto tra l'AdS e la persona beneficiaria

13%
Madre/Padre
6%
Coniuge o Partner
28%
Figlia/o
15%
Sorella/Fratello
9%
Nipote
4%
Altri parenti
25%
Persona terza

Rapporto tra l'AdS e la persona beneficiaria per tipo di fragilità

tipologia1

tipologia2

tipologia3